Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Should I stay or should I go? The social network dilemma

Should I stay or should I go? The social network dilemma

by Valerio Pellegrini

Other languages: 🇪🇸 🇮🇹 🇫🇷

Have you ever said: I’m deleting myself from social networks because I can’t anymore? Then you managed to do it, or you said: how can I keep in touch with my friends? How can I keep in touch with distant relatives or friends? What about job opportunities? How could I promote my products then?

In this short article I do not want to go into the philosophical, anthropological, political and sociological issues that social networks raise and that should be addressed, but in the complexity of all this chaos of issues related to the virtual world, on the pros and cons related to it, I will try to offer my personal experience. 

Since I joined Facebook back in 2008 at the suggestion of a friend who was studying in the United States, the question has come up again and again, and I must say that I had not been able to find a final answer as to why I should delete myself or why I should stay. For some periods I deleted myself but then returned to the world of hashtags, posts, chats with friends and photos. In this seesaw of conflicting thoughts, emotions and feelings I recently decided to fast from Facebook, Messenger and Instagram for a short while.

On the one hand I was noticing an increasing sense of nakedness in relation to the audience of the networks and an addiction to feeds, stories, information, chats and friends’ posts. On the other hand, I felt a need within myself to communicate in the public/private virtual space my thoughts and worldview. Between these two contrasting voices I decided to do what I hadn’t been doing for a long time, i.e. to delete myself from the social networks, to see how I would have lived this distance and who knows, to have a more lucid look at this phenomenon and the motivations for or against my stay in the virtual world. 

I have been fasting for three weeks now and I must say that I am beginning to feel a certain sense of well-being. I thought I couldn’t resist communicating with someone, seeing the news or posts of loved ones, I was afraid of losing contact with some people whose mobile phone number I don’t even have, I was afraid of losing a means through which I could express my voice or be informed. These fears gradually vanished to make way for a silence that I hadn’t experienced for a long time, a newfound harmony with reality, the need to release the energy that I previously used to communicate in the virtual world, in the real world. 

Obviously pandemic times are not ideal for this kind of experiment, but despite this, I feel more and more clarity with regard to the desires that inhabit me and my needs. Before, these deep voices were like polluted, or rather, difficult to focus and listen to, precisely because the possibilities and choices opened up by the virtual world are potentially infinite and the inputs are continuous. Each photo, each post, each story created a different resonance in me, it turned on a light bulb, a momentary desire, it aroused an emotion, negative or positive, but in all this continuous flow it was difficult to listen to that deeper voice inside me, that voice that maybe I really wanted to share in my posts, in my images or in my stories.

I suddenly realised that in reality, when posting or chatting, I was not only responding to the continuous input of a flow that exceeded my capacity to assimilate, but I was also contributing to drowning out someone else’s voice. Mine was no longer a voice born out of silence, but a desire to be there and have my say in relation to something that, without realising it, had already overtaken me. During this fast, I was reminded of Jesus’ 40 days in the desert. A desert which in Hebrew is called midbar, which means “the place from which the word comes”. I was also reminded of John the Baptist who declared: I am the voice of one who cries out in the desert, he was the voice of one who cries out in our depths, who groans, who wants to come out, our deepest desire perhaps, in a word Jesus, love, peace.

The Sahara Desert
Photo: G. E.

Suddenly I realised that on social networks I was no longer loving, but simply acting as a sounding board for the many voices that, like a tornado, were increasingly magnifying this inner chaos within me, and this outer chaos in this mega-organism that is social networks.

This dualism that I felt towards this phenomenon that I was experiencing, to leave or to stay, this continuous odi et amo, was dictated precisely by having lost that unifying voice that came from my depths, a voice of love, a merciful look and listening to the other. The images, the words, the stories slowly gave way to a single image, a single word, a single story. A word, an image and a story that are sources of life, generative, that do not need to make noise, to occupy space, to be seen, but that in tenderness and sweetness caress the soul.

Photo: Wendy Wei

Having recently returned to some of the social networks, I realise that I am looking at the different posts and images with totally different eyes, with the eyes of a closeness to others made possible by the closeness to a voice that was previously drowned out by so many other voices and by having lost the fear of losing something, in this case my relationships and my being there.

Having lost the need to be there seems to me to give a different meaning to the time I spend online. It is no longer an eternal present in which a flow of information assailed me and I remained passive, but rather an present of eternity to be inhabited. So I return with the awareness that the virtual is part of the real but, losing its real dimension, it continually seeks love, talks of love, or the idea of it, it continually confesses the need for love that we have, but does not give it. I return with a different awareness of time to live online: no longer a chronos of passive performance anxiety, but a kairos, an opportunity, to give. Those who really want to relate will always find the time that goes beyond a chat or a post or will really use them for this purpose, the eyes are not a screen.

Here at last after so many years I have an answer, mine one, existential, naked, to this phenomenon! Leave or stay? Hate or love? It’s up to you to find your answer!

Should I stay or should I go? The social network dilemma

Should I stay or should I go? Il dilemma dei social networks

Per Valerio Pellegrini

Altre lingue: 🇪🇸 🇫🇷 🇬🇧

Vi è mai capitato di dire: ora mi cancello dai social networks non ce la faccio più? Poi ci siete riusciti o avete nicchiato dicendo: ma poi come faccio a rimanere in contatto con i miei amici? Come faccio a mantere i rapporti con quei parenti o amici lontani? E le opportunità di lavoro? Come faccio a promuovere i miei prodotti?

In questo breve scritto non voglio entrare nel merito dei temi filosofici, antropologici, politici e sociologici che i social network sollevano e che è bene affrontare, ma nella complessità di tutto questo marasma di temi connessi al mondo virtuale, sui pro e i contra ad esso collegati, proverò a offrire la mia esperienza personale. 

Da quando mi sono iscritto a Facebook nel lontano 2008 su suggerimento di un amico che studiava negli Stati Uniti la domanda è tornata più e più volte e devo dire di non essere riuscito a trovare una risposta finale sul perché cancellarmi o sul perché rimanere. Per alcuni periodi mi sono cancellato salvo poi ritornare nel mondo degli hashtag, dei post, delle chat con amici e delle foto. In questa altalena di pensieri, emozioni e sentimenti contrastanti ho recentemente deciso di digiunare, per un breve periodo, da Facebook, Messenger e Instagram.

Da un lato notavo un sempre maggiore senso di nudità rispetto al pubblico dell’etere e una dipendenza dai feed, dalle stories, dalle informazioni, dalle chat e dai post degli amici. Dall’altro lato sentivo dentro di me una necessità di comunicare nello spazio virtuale pubblico/privato i miei pensieri e la mia visione del mondo. Tra queste due voci contrastanti ho deciso di fare ciò che non stavo facendo da parecchio tempo, ossia cancellarmi dai social networks, per vedere come avrei vissuto questa distanza e chissà per avere uno sguardo più lucido su questo fenomeno e sulle motivazioni favorevoli o contrarie alla mia permanenza nel mondo virtuale. 

Pexels

Sono ormai 3 settimane che digiuno e devo dire che sto iniziando a provare un certo benessere. Pensavo di non poter resistere dal comunicare con qualcuno, dal vedere le notizie o i post di persone care, avevo paura di perdere contatto con alcune persone di cui non ho neanche il numero di cellulare, paura di perdere anche un mezzo attraverso il quale manifestare la mia voce o essere informato. Paure che pian piano sono svanite per lasciare posto ad un silenzio che non sperimentavo da tempo, una armonia ritrovata con il reale, la necessità di dover sprigionare quelle energie che prima impiegavo nel comunicarmi nel virtuale, nel reale. 

Ovviamente i tempi pandemici non sono l’ideale per questo genere di esperimenti, ma nonostante ciò, sento sempre più una maggiore chiarezza con riguardo ai desideri che mi abitano e ai miei bisogni. Prima queste voci profonde erano come inquinate o meglio, difficili da mettere a fuoco e ascoltare, proprio per il fatto che le possibilità e le scelte aperte dal mondo virtuale sono potenzialmente infinite e gli input sono continui. Ogni foto, ogni post, ogni storia creava in me una risonanza diversa, accendeva una lampadina, un desiderio momentaneo, suscitava una emozione, negativa o positiva, tuttavia in tutto questo flusso continuo era difficile ascoltare quella voce più profonda dentro di me, quella voce che chissà volevo proprio condividere nei miei post, nelle mie immagini o nelle mie stories.

Mi sono improvvisamente accorto che in realtà nel postare o nel chattare, non solo rispondevo a degli input continui di un flusso che eccedeva le mie capacità di assimilazione, ma contribuivo anche io ad annegare la voce di qualcun altro. La mia non era più una voce nata dal silenzio ma un voler esserci e dire la mia rispetto a qualcosa che, senza rendermene conto, mi aveva già superato. Mi sono tornati in mente, durante questo digiuno, i 40 giorni nel deserto di Gesù. Un deserto che in ebraico si dice midbar, ossia luogo da cui viene la parola. Mi è venuto in mente anche Giovanni il Battista che dichiara: io sono voce di uno che grida nel deserto, lui era la voce di colui che grida nelle nostre profondità, che geme, che vuole uscire, il nostro desiderio più profondo forse, in una parola Gesù, l’amore, la pace.

Il Deserto del Sahara
Foto: G. E.

Improvvisamente mi sono reso conto che sui social non stavo più amando ma stavo semplicemente facendo da cassa di risonanza alle tante voci che come un tornado ingigantivano sempre di più questo chaos interiore, dentro di me, ed esteriore in questo mega-organismo che sono le reti sociali.

Questo dualismo che provavo verso questo fenomeno che stavo vivendo, lasciare o restare, questo odi et amo continuo, era dettato proprio dall’aver perso quella voce unificante che veniva dalle mie profondità, una voce d’amore, uno sguardo misericordioso e l’ascolto dell’altro. Le immagini, le parole, le storie hanno pian piano lasciato posto ad una sola immagine, ad una sola parola, ad una sola storia. Un parola, una immagine ed una storia che sono fonti di vita, generative, che non hanno bisogno di fare rumore, di occupare spazi, di farsi vedere ma che nella tenerezza e nella dolcezza accarezzano l’animo.

Wendy Wei

Tornato da poco su alcuni dei social mi accorgo di guardare ai diversi post e alle diverse immagini con occhi totalmente diversi, con gli occhi di una vicinanza al prossimo resa possibile dalla vicinanza a una voce che prima era sommersa da tante altre voci e dall’aver perso la paura di perdere qualcosa, in questo caso le mie relazioni e il mio esserci. L’aver perso la necessità di questo doverci essere mi sembra dare un senso diverso anche al tempo che trascorro on-line, non più un eterno presente in cui un flusso di informazioni mi assaliva e rimanevo passivo ma piuttosto un presente eterno da abitare.

Torno dunque con la consapevolezza che il virtuale fa parte del reale ma, perdendo la sua dimensione reale, dice continuamente l’amore, o l’idea di esso, confessa continuamente il bisogno di amore che abbiamo, ma non lo dà. Torno con una consapevolezza diversa di tempo da vivere on-line: non più un chronos da passiva ansia di prestazione ma un kairos da donare. Chi veramente desidera relazionarsi troverà sempre il tempo che vada oltre una chat o un post o le userà veramente per questo fine, gli occhi non sono uno schermo.

Ecco finalmente dopo tanti anni una risposta, la mia, esistenziale, nuda, a questo fenomeno! Lasciare o restare? Odio o amore? A voi la risposta!

MDNMDN